LEA & FLO PALACE

Il Palace Lea&Flò è diviso tra storesartoria,angolo bar con interactive area e book store e coniuga stile, moda e innovazione, anche grazie alle acutissime idee dei due architetti responsabili del progetto: Marino Breccia eRoberto Cicchinè. «Abbiamo unito le loro intuizioni geniali con la nostra professionalità e siamo rimasti davvero colpiti non solo per la loro bravura, ma anche per l’onestà, la professionalità e la disponibilità dimostrata».

Ogni cosa qui è studiata con attenzione e culto per il cliente. A partire dal corridoio, dove i proiettori a scomparsa regalano un armoniosogioco di luci, passando per laprofumazionepiacevole e delicata, per finire all’angolo bar con le postazioni web, i tavolini discreti e un’intera parete dedicata al book store. «Il mondo della moda è cambiato rispetto a qualche anno fa, quando bastava la notorietà della griffe. – rivelano i due – Oggi, il cliente che entra in negozio ha bisogno di tante altre cose come il servizio, l’emozione. E noi cerchiamo di fare questo, di emozionare». tante altre cose come il servizio, l’emozione. E noi cerchiamo di fare questo, di emozionare». Seduti al bancone del bar, davanti ad un ottimo caffé, chiedo a Remo ed Alessandro quale sia stata la radice del loro successo imprenditoriale.

«Ovviamente gli elementi sono tanti – spiegano – ma alla base di tutto c’è che abbiamo il vantaggio di essere prima amici, e poi fratelli». Da quando hanno iniziato, Alessandro si occupa dell’ amministrazione, mentre Remo segue il commerciale dell’azienda. «Ci piace seguire da vicino e in prima persona ogni aspetto della nostra attività, anche se questo significa non poter delegare. Di fatto, “io lavoro per lui e lui lavora per me” – dichiarano insieme, con un sorriso aperto che mi fa capire di trovarmi di fronte ad una famiglia veramente unita.

L’atmosfera rilassata che si respira invoglia a camminare tra gli stand per ammirare i magnifici abiti dai colori sgargianti appesi alle candide grucce personalizzate Lea&Flò, sfiorare le impalpabili sete e i morbidi cotoni, venerare le scarpe che ogni donna vorrebbe possedere (possibilmente in più colori) accoccolate sui cuscini delle frizzanti strutture espositive. «Questo luogo – continuano – sintetizza tutto ciò che abbiamo visto e imparato in Italia e all’estero nei nostri venti anni di attività. Ma non esisterebbe niente di tutto questo senza il lavoro e l’incredibile dedizione dei nostri collaboratori».

Come arrivare al Palace

BRANDS

2 STARS
Daniele Alessandrini
carla-goli
Anna Rita N
cooperativa pescatori posillipo
Armani Jeans
Bagutta
Bikkembergs
Blugirl Folies
Boss
Boss Orange
Braccialini
Byblos
Camouflage
caractere
Canali
Cavalli Class
Crime London
Dekker
De Wallen
Diesel
Don't Cry Milan
ea7
Elisabetta Franchi
Emporio Armani
Ferrante
Fracomina
Fradi
Frankie Morello
Fred Perry
Gabs
Gas
Geospirit
Guess
Hanita
corneliani
Hetregò
Iceberg
Invicta
Jacob Cohёn
Jeckerson
La Martina
Le Copains
LIU JO
Love Moschino
Marciano
john-galliano
ermanno-scervino
fabiana-filippi
d1-milano
Michaela Kors
harmont-blaine
Obag
Paul & Shark
Peuterey
Philippe Model
Piero Guidi
Pinko
cromia
Roy Rogers
U.S. POLO ASSN
vdp
Versace Collection
mmissoni
pal-zileri
timex
Saucony
Siviglia
Teleria Zed
Trussardi Jeans
Twin Set
UP TO BE